Lo stadio più bello del mondo

di Luca Farinotti

Edizioni Clandestine, 2007

Vincitore Premio Microeditoria di Chiari 2008 (categoria “Romanzo di formazione”)

Per potere di pura immaginazione, o forse per miracolo, un gruppo di ragazzini riesce nell’intento di trasformare un campetto di calcio parrocchiale di campagna in uno stadio a tutti gli effetti, per quanto minuscolo e anonimo.
Ogni sabato pomeriggio il surrealistico S. Nicolò diventa così la sede del pittoresco Maiatico Football Club 1983, facendosi teatro di scontri epici tra i giovanissimi soci fondatori e i loro grotteschi compagni di gioco. Lontano dai riflettori della città, in un tempo fatto di gaie merende e battesimi di sigarette, ma soprattutto di innocenti fantasie di gloria affidate a un pallone, si cementerà il senso di un’amicizia forte e indissolubile, come il legame cocente del narratoreprotagonista nei confronti dei posti e dei volti che lo hanno visto nascere, crescere e sognare.

Il racconto di un luogo “mistico” in cui una comunità prende forma e si rinsalda. Un libro divertente e disinvolto, in cui l’autore mescola semplicità ed autoironia, elegia e cinismo, originale anche dal punto di vista del linguaggio.
mannaia-di-kramer-luca-farinotti

La mannaia di Kramer

di Luca Farinotti

Edizioni Clandestine, 2008

La devastante storia di un uomo che lotta per difendere ciò che di più sacro esista: i diritti umani fondamentali suoi e della sua bambina.

Tra avvocati famelici, giudici incompetenti e corrotti, forze dell’ordine intente a salvare la propria traballante immagine e servizi sociali gestiti nelle più gravi omissioni di responsabilità, viene avviato sistematicamente un conto alla rovescia.

L’affido dei bambini, la confusione delle leggi, la troppo facile sovvertibilità multidirezionale delle stesse, la legalità infossata, i non-diritti di chi, nato fuori dal matrimonio, è trattato dallo Stato peggio di coloro che venivano condannati al Limbo perché morti senza battesimo: ecco i temi di un libro spietato, crudo, tragicomico, che non risparmia alcuno se non i bambini, vittime di una società non più in grado di riallinearsi a se stessa secondo il buon senso.

Una scrittura nuda, dura, non già realistica ma incurante, per lo più, della teorica separazione tra finzione e realtà. Come tutto in Italia. Oggi.

Una storia vera.
Parma 2020 - Best Restaurants & Food Producers

Parma 2020 – Best Restaurants & Food Producers

di Luca Farinotti

Diabasis, 2019

Una piccola lonelyplanet del cibo per (ri)scoprire, attraverso la sua cucina e i suoi prodotti, il terroir più autentico della capitale della gastronomia e della cultura 2020. Non un elenco di indirizzi, voti e graduatorie ma una vera e propria mappa che interpreti tutti i tracciati possibili dello stato d’animo del residente o del visitatore con lo scopo di condurlo dritto ad un’esperienza cucita su misura. Questa è “Parma 2020 Best Restaurants”.

Parma - I narratori raccontano la loro città

Parma – I narratori raccontano la loro città

AA. VV. , a cura di Domenico Cacopardo e Davide Barilli

Diabasis, 2019

“Il bulgaro che fu re di Parma per un giorno”, racconto

Volevo solo nuotare

Volevo solo nuotare (200.000 bracciate con Rachele Bruni)

di Luca Farinotti

ARTinGENIO, 2019

Il ritratto di una delle nuotatrici italiane di fondo più forti di sempre, con un medagliere da capogiro all’attivo. La sua infanzia semplice e gioiosa tra Empoli e Firenze. La passione per il nuoto: “se ti perdi nell’acqua allora sei nel posto giusto”. L’incontro con l’allenatore guru Fabrizio Antonelli. Il training durissimo, i dubbi e le lacrime. Le incredibili medaglie mondiale e olimpica, ottenute in gare drammatiche, contraddistinte da episodi di suspence a dir poco inusuali per gli sport di durata.

E poi le tante Rachele in una, come la “Caporal maggiore scelto” Bruni, orgoglio dell’Esercito Italiano. O come le due Rachele costrette a convivere in acqua: quella con la minor “acquaticità” e il minor talento rispetto alle sue quotatissime avversarie mondiali e quella che grazie all’intelligenza, al cuore e al suo ingrediente segreto (la sbracciata turbinosa) riesce a sbaragliare le sue avversarie nel reiterato compimento di un miracolo sportivo. Una donna non comune con un costumone da supereroina.

Leggi di più...